Come sopravvivere al giro parenti post parto è un insieme di piccole regole di cui la neo mamma ha tutto il diritto di avvalersi.

  1. Cos’è il giro parenti;
  2. Come limitare i danni del giro parenti;
  3. La mamma sono io e le regole le decido io.

Come definire il giro parenti?

Si tratta del turbinio di persone che gira attorno alla neo mamma da un paio d’ore dopo la nascita della creatura, fino a data da destinarsi. Di solito arrivano già nel reparto maternità per farsi selfie con il loro faccione in primo piano (ed il nascituro giusto sullo sfondo).

Photo by Alex Hockett on Unsplash io e la mia mamma

Ovviamente il tutto in una camera dove sono presenti altre tre partorienti, di cui una attaccata da due ore al tracciato (la sottoscritta!)

Sì avete capito bene: se fate parte di una famiglia ridotta avete la speranza di cavarvela con qualche visita solo nei primi giorni dopo il parto.

Se invece avete una famiglia un po’ più ampia, questo giro parenti può durare anche settimane!

Giusto il tempo che vi vengano a trovare:

-genitori, fratelli, sorelle, suoceri/suocere, nonni, amici….(e fin qui tutto nella norma!)

-zii, cugini, nipoti (vabbè porta pazienza!)

-zii di genitori, cugini di secondo grado (mai visti), figli di cugini di secondo grado (figuriamoci questi), la moglie del fratello del nonno,..

– chi più ne ha, ne metta!

Da ricordare che dopo il parto è un momento in cui non è detto che la neo mamma sia proprio fresca come una rosa.

Probabilmente è il momento più amato/odiato dalle neo mamme.

2) Come limitare i danni del giro parenti?

Bella domanda! Ognuno ha i suoi modi.

I miei sono stati forse percepiti come un po’ “rudi”, ma vi assicuro che sono serviti.

Sì perchè, nessuno ti dice che dopo aver passato 48 ore almeno in reparto maternità (in cui posso assicurare che non si dorme), poi quando arrivi a casa e vorresti solo una mano per far fronte ai bisogni primari tuoi (tipo dormire, mangiare e farti una doccia) inizia la processione dei parenti.

Processione è il termine esatto: tutti per vedere il nascituro, ma difficilmente qualcuno che ti dica:”Guarda ti ho portato questo da mangiare, così almeno stasera non devi preparare!”.

Così, per dire!

Oppure: se vuoi provo a tenertelo per un’oretta, così puoi andare in bagno e magari farti anche una doccia (che magari soprattutto d’estate aiuta!)

Ecc…..

Il giro parenti poi ha la capacità di arrivare sempre nei momenti meno opportuni (tipo quando stai allattando, cosa che all’inizio fai per almeno mezz’ora tipo 8 volte al giorno, se ti va bene!)

Io ammetto di aver creato un cartello da appendere alla porta con su scritto:

“La mamma sta dormendo o allattando”

Sì, avete letto bene.

Perchè tu parente(di qualsiasi grado) che vieni da fuori casa, non puoi sapere se nelle 24/48 ore precedenti la mamma è riuscita a dormire almeno qualche ora in qua o in là. Per questo motivo sarebbe meglio avvisare i neo genitori della visita incombente…e se non ti rispondono sul cellulare, per favore, non insistere!

Magari è proprio il momento in cui il nuovo arrivato si è calmato e sta dormendo, e con esso i genitori!

3) La mamma sono io e le regole le decido io

Ebbene sì: sarete anche mamme da poche ore, ma le regole con il vostro bambino le fate voi!

Anche perchè a voi tocca accudirlo.

Lasciate parlare gli altri, con i loro consigli non richiesti, che voi avete cose più serie a cui pensare tipo: “Oggi non ho avuto tempo di mangiare, perchè ha pianto sempre, chissà se riuscirò a mangiare qualcosa più tardi”.

Lo stesso si può pensare per gli altri bisogni primari.

Quindi, se date dell’aria a qualcuno non sentitevi in colpa, perché dopo toccherà a voi consolare il piccolo che qualche parente ha svegliato solo perché voleva vedere gli occhioni!

Se ti è piaciuto questo articolo, seguici anche sulla pagina Facebook!

Leggi anche “Chi sono

Please follow and like us: